I SERVIZI

  • lang0

TaSI 2016 (IUC)

Tassa sui servizi indivisibili 2016

Pagamento saldo 2016 (16 dicembre 2016)

Vista l'approssimarsi della scadenza per il pagamento, per l'anno di imposta 2016, del saldo TASI (16 dicembre 2016), si comunica che il contribuente è tenuto al pagamento dell'imposta TASI 2016 dovuta  applicando le aliquote deliberate dall'Ente per l'anno 2014, confermate per l'anno 2016. 

Il calcolatore può essere utilizzato per il saldo 2016


Guida al contribuente

NOVITÀ

La legge di stabilità 2016 n. 208/2015 ha escluso da imposizione TASI l'abitazione principale e le relative pertinenze per tutti gli immobili accatastasti da A2 ad A7.

La TASI non e' dovuta per:

  • abitazione principale e pertinenze della stessa. L’abitazione principale è l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare nel quale il possessore ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente; per pertinenza si intendono i fabbricati classificati nelle categorie catastali C/2 (cantina, soffitta), C/6 (autorimessa, posto auto) e C/7 (tettoia), limitatamente ad una unità pertinenziale per ciascuna categoria, pur se iscritte in catasto unitamente all'unità abitativa;
  • unità immobiliare assimilata all’abitazione principale e relative pertinenze, cioè quella posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata;
  • casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze Armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  • una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso;
  • tutti i fabbricati e le aree fabbricabili assoggettate ad aliquota IMU dell'1.06%;
  • unità immobiliari adibite ad abitazione principale del soggetto passivo e classificate nelle categorie catastali A1/A8 e A9 nonché le relative pertinenze ed assoggettate ad aliquota IMU dello 0,6%;
  • unità immobiliari oggetto di contratti di locazione a canone concordato (art. 2 comma 3 L.431/98 e art. 5 comma 2 l. 431/98);

 La TASI è dovuta per:

  • fabbricati rurali ad uso strumentale di cui al comma 8, art. 13, D.L. 201/2011;
  • fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita (beni merce), fintanto permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati;
  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • unità immobiliari di civile abitazione destinati ad alloggi sociali.

La TASI - Tributo sui servizi indivisibili - è il tributo componente dell' Imposta Unica Comunale riferita al finanziamento dei costi per i servizi indivisibili (manutenzione del verde, illuminazione pubblica, etc.) dovuto dal proprietario (o titolare di diritti reali) di fabbricati. 

Per l'anno 2016 nel Comune di Anguillara Sabazia la TASI si applica con le seguenti aliquote: 

a) aliquota TASI di 3,3 (2,5 + maggiorazione 0,8) per mille per:

  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dalle vigenti disposizioni;
  • ai fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati; 

b) aliquota TASI di 1 per mille per i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui al comma 8 dell'articolo 13 del decreto-legge n. 201 del 2011; 

c) aliquota TASI nella misura di 0 per mille per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e per le relative pertinenze  assoggettate ad aliquota IMU del 6‰; 

d) aliquota TASI nella misura di 0 per mille per tutti i fabbricati ed aree edificabili assoggettati ad aliquota IMU del 10,6‰.   

Si applicano le seguenti detrazioni:  

Le aliquote e le detrazioni della Tasi per l'anno 2016 sono riassunte nella tabella sottostante:

TASI - Aliquote e detrazioni 2016 

  Tipologia e destinazione dell'immobile

Aliquota
(per mille)
unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari 3,3
fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dalle vigenti disposizioni 3,3
fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati 3,3
fabbricati rurali ad uso strumentale di cui al comma 8 dell'articolo 13 del decreto-legge n. 201 del 2011 1
unità immobiliari adibite ad abitazione principale classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze 0
altri fabbricati, aree edificabili  0

 

La TASI è dovuta da chiunque possieda, a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione o superficie, le unità immobiliari. In caso di pluralità di possessori essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria.

La TASI si paga in percentuale sul valore del fabbricato ed è determinata per anni solari proporzionalmente alla quota (fermo restando l'obbligazione solidale dei contitolari del diritto reale) e ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso.
Il versamento deve avvenire in AUTOLIQUIDAZIONE da parte del contribuente, in due rate scadenti il: 16 giugno e il 16 dicembre 2016.

Per agevolare i contribuenti, il Servizio Entrate fornisce sul sito internet il calcolatore dell'imposta.  

Il VALORE TASI per un FABBRICATO è costituito da quello ottenuto applicando all'ammontare delle rendite risultanti in catasto, vigenti al 1° gennaio dell'anno di imposizione, rivalutate del 5 per cento, i seguenti moltiplicatori:

  • 160 per fabbricati classificati nel gruppo catastale A (tranne A10) e nelle categorie catastali C2, C6 e C7;
  • 140 per fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C3, C4 e C5;
  • 80 per fabbricati classificati nelle categorie catastali A10 e D5;
  • 65 per fabbricati classificati nel gruppo catastale D (tranne D5) ;
  • 55 per fabbricati classificati nella categoria catastale C1

Scadenze e modalità di versamento

Prima rata di acconto con scadenza 16 giugno 2016 e seconda rata con scadenza 16 dicembre 2016 pari al 50% del dovuto in base alla Deliberazione di Cinsiglio Comunale n. 32 del 08/09/14.

L'imposta si versa con modello F24 disponibile presso le banche, Poste Italiane Spa e agenti della riscossione e in formato elettronico sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

Per il versamento deve essere utilizzata la sezione "IMU e altri tributi locali", nello spazio "codice ente/codice comune" il codice catastale del Comune in cui sono situati gli immobili, costituito da quattro caratteri (per il Comune di Anguillara Sabazia il codice è A297, altri codici comune sono reperibili nella tabella pubblicata sul sito Internet www.agenziaentrate.gov.it); nello spazio "codice Tributo" i codici di cui alla seguente tabella:

FATTISPECIE CODICE TASI CODICE COMUNE
Abitazione principale e pertinenze 3958 A297
Fabbricati rurali ad uso strumentale 3959
Aree fabbricabili 3960 
Altri fabbricati  3961

 

L’OMESSO, TARDIVO o PARZIALE VERSAMENTO della TASI dovuta alle scadenze previste comporta l’applicazione della sanzione pecuniaria nella misura del 30% degli importi non versati o versati in ritardo. Il contribuente può evitare l'applicazione integrale della sanzione mediante lo strumento del RAVVEDIMENTO OPEROSO, attraverso il versamento spontaneo di: imposta dovuta e non versata, sanzione amministrativa nella misura ridotta e interessi legali maturati, come segue:

SANZIONI RAVVEDIMENTO OPEROSO

Art. 13 comma 1 lett. a-a bis-b del D.Lgs. n. 472/1997 e sm.i. 

Art. 13 comma 1 del D.Lgs. n. 471/1997 e sm.i.

TIPO RAVVEDIMENTO

Regolarizzazione del versamentocon contestuale versamento di sanzioni e interessi (moratori al tasso legale)

MISURA SANZIONE PECUNIARIA

(Sanzione base 30%)

SANZIONE PECUNIARIA

SPRINT

ENTRO 15 GIORNI

1/15 della metà sanzione base

(art. 13, comma 1 lett. a 471/97

art. 13, comma 1 ultimo periodo 472/97)

0,1%

per ogni giorno

BREVE

FINO A 30 GIORNI

1/10 della metà sanzione base

(art. 13, comma 1 lett. a del 472/1997)

1,5%

FISSO

INTERMEDIO

FINO A 90 GIORNI

1/9 della metà sanzione base

(art. 13, comma 1 lett. a bis del 472/1997)

1,66%

FISSO

LUNGO

OLTRE 90 GIORNI

dal 91° giorno sino al termine della presentazione della dichiarazione

1/8 della sanzione base

(art. 13, comma 1 lett. b del 472/1997)

3,75%

FISSO

 

INTERESSI

0,001 % al giorno calcolato su importo imposta dovuta e non versata moltiplicato per i giorni a partire dal 1° giorno successivo alla scadenza fino al giorno in cui si effettua il pagamento compreso.

 

    ultimo aggiornamento di mercoledì 07 dicembre 2016 09:28
    Valuta la paginastampa